Centro Aletti: la Cappella, l’Atelier d’arte, il Refettorio – permesso speciale

Centro di studi e ricerche e interessantissimo esempio di laboratorio d’arte e di fede e di incontro tra artisti e Chiese differenti, il Centro Aletti è stato creato dalla Compagnia di Gesù in un palazzetto di stile liberty di fine Ottocento, ad un passo dalla Basilica di Santa Maria Maggiore, donato alla Compagnia di Gesù con l’esplicito desiderio che diventasse un centro di incontro e di riflessione interculturale. Il Centro è un esempio di quanto l’elaborazione artistica congiunta alla spiritualità sia in grado di creare in materia di arte sacra, in particolare musiva, grazie soprattutto al lavoro di Padre Marko Ivan Rupnik, importante artista e Direttore del Centro Aletti, che ha realizzato opere famose in tutto il mondo, come i mosaici della Cappella “Redemptoris Mater” nei Palazzi Apostolici Vaticani, quelli delle Basiliche di Fatima e di San Giovanni Rotondo, del Santuario di San Giovanni Paolo II a Cracovia. Quasi in un’atmosfera che ci riporta alle prime comunità cristiane, in cui i fedeli vivevano e operavano insieme, visiteremo la piccola cappella del Centro, ristrutturata nel 2003 a forma di ellisse. All’interno una croce d’oro, il colore della santità di Dio, che sembra sovrapporsi ad una croce rossa, non ben definita, che richiama il sangue, la croce della passione e della morte, quasi a ricordare che la resurrezione viene solo dopo la passione e la morte. Essenziale componente della Comunità è l’atelier del mosaico, permanente cantiere comunitario che accoglie un’équipe in grado di gestire tutte le fasi del lavoro artistico, dalla progettazione dello spazio ecclesiale fino alla realizzazione dell’arredo liturgico e delle opere d’arte presenti nello spazio sacro quali mosaici, vetrate, pitture; concluderemo infine la visita con il Refettorio, importante luogo di incontro e condivisione, sempre decorato da mosaici.
INFO:

  • apt. alle ore 16,30 in via Paolina 25;
  • costo  € 10.00 comprensive di un’offerta per le attività del Centro Aletti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *